E’ un grande classico della salumeria italiana. Prende il suo nome dalla tradizione secondo cui un tempo veniva custodito dai cacciatori nella propria bisaccia durante le battute di caccia, per essere mangiato nelle pause.